NO ALLE PUBBLICITA’ SESSISTE: LE BUONE REGOLE DI PIACENZA E BOLOGNA

Category : Pubblicità · by mag 26th, 2016
www.modenatoday.it

www.modenatoday.it

La pubblicità sarà pure “l’anima del commercio”, ma non a tutti i costi. Lo ha deciso il Comune di Piacenza che ha varato un nuovo regolamento che vieta l’affissione di cartelloni lesivi della dignità femminile nei tabelloni lungo le strade urbane e sugli autobus.

La decisione è stata presa a larga maggioranza dal Consiglio comunale e avrà un’immediata ricaduta pratica: una commissione interna è incaricata di vigilare su scritte e immagini pubblicitarie che contengano messaggi discriminatori riguardo alle donne. Il divieto colpisce, in particolare, quelle immagini che utilizzino il corpo femminile “in primo piano” per promuovere prodotti commerciali senza alcuna “correlazione”. Qualora, ad insindacabile giudizio della commissione, siano ritenuti lesivi, i cartelloni saranno rimossi con sanzione per chi ne ha commissionato l’affissione.

Piacenza segue il buon esempio, nella Regione Emilia Romagna, del Comune di Bologna che a novembre del 2014 ha bandito le “immagini volgari, violente o sessiste nelle pubblicità affisse in città”, non solo sugli spazi gestiti direttamente dal Comune ma anche su quelli dati in concessione ai privati. Il Regolamento sulle pubbliche affissioni impone, infatti, sia al contraente che all’inserzionista pubblicitario di accettare il Codice di autodisciplina pubblicitaria (che in verità risale già al 1966, promulgato dallo Iap, Istituto di autodisciplina pubblicitaria, ente privato che disciplina la comunicazione commerciale).

La cultura contro la discriminazione e il divieto di messaggi pubblicitari lesivi della dignità femminili si sta diffondendo nelle amministrazioni cittadine: decisioni analoghe sono state già assunte a Milano, Catania, Roma, Torino, Modena, Sesto S. Giovanni (Mi), Galatina (Le) e – sorpresa – Arcore (Mb).

 

SHARE :

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>