Corrado Farina, il Re del Carosello

Category : Senza categoria · No Comments · by lug 14th, 2016

Il cinema, ma soprattutto il mondo pubblicitario italiano, perdono uno dei nomi storici. Corrado Farina, è scomparso all’età di 77 anni. Scrittore e documentarista, Farina è stato soprattutto uno dei grandi registi della pubblicità italiana degli inizi. Tra il 1963 e il 1968 ha diretto circa 500 Caroselli, tra i suoi più popolari ci sono “È in arrivo il treno Saiwa”, quello dell’Olio Sasso, del “Signor Mario Rossi” e “Nicola lo scommettitore” con Nicola Arigliano. Gli anni ’60, per lui, sono gli anni di piccoli capolavori d’autore come “Il signor Rossi” e “La pancia non c’è più”. Corrado Farina, che entra a far parte dell’Agenzia Armando Testa e ne diventa la punta di diamante, è uno dei primi a capire che per Carosello non serve un taglio cinematografico, piuttosto una scrittura del tutto nuova, più vicino all’arte contemporanea, al pop. È col “Trenino” della Saiwa, dove un gruppo di persone diventa fisicamente un treno umano e gira per la città che Farina raggiunge uno dei risultati più ambiziosi a livello artistico. È lo storico pubblicitario che gira i primi spot dei “pupazzi Papalla” e “l’ippopotamo Pippo” per la Lines, sempre in una chiave pop artistica molto cosciente, come con i primi pilot girati per la serie del “Caballero Lavazza”. Arrivano anche i grandi successi di Carosello con l’intera serie girata da Farina della “Famiglia dei piumati” per la Cera Glocò, una famiglia di papere che parlano in milanese. Corrado Farina ha saputo conferire alla pubblicità la sua dimensione artistica ed educativa. Una lezione di stile che resterà.

Corrado_Farina